Cerca
  • Francesco Zingoni

Il ruolo delle BANCHE CENTRALI

Leggilo prima: iscriviti alla newsletter


“Una austerity buona è quando si riducono le tasse e la spesa pubblica, e la si concentra sulle infrastrutture e sugli altri investimenti" (Mario Draghi)

Una banca centrale è un'istituzione finanziaria responsabile della supervisione del sistema monetario e della politica di una nazione o di un gruppo di nazioni, regolando la sua offerta di moneta e fissando i tassi di interesse. Le banche centrali stabiliscono la politica monetaria, allentando o restringendo l'offerta di moneta e la disponibilità di credito, le banche centrali cercano di mantenere l'economia di una nazione in equilibrio. Una banca centrale stabilisce i requisiti per il settore bancario, come la quantità di riserve di liquidità che le banche devono mantenere rispetto ai propri depositi. Una banca centrale può essere un prestatore di ultima istanza per istituzioni finanziarie in difficoltà e persino governi. La caratteristica fondamentale di una banca centrale, che la distingue dalle altre banche, è il suo status di monopolio legale, che le conferisce il privilegio di emettere banconote e contanti.

Attualmente, la Federal Reserve, la Banca centrale europea e altre importanti banche centrali sono sotto pressione per ridurre le dimensioni dei propri bilanci che si sono gonfiati durante la corsa all'acquisto di titoli effettuata durante le recenti recessioni (le prime 10 banche centrali hanno ampliato le loro partecipazioni del 265% negli ultimi dieci anni). È probabile che l'allentamento o la riduzione di queste enormi posizioni spaventi il ​​mercato. Inoltre, in alcuni mercati più illiquidi, come il mercato MBS (titoli garantiti da un insieme di mutui ipotecari), le banche centrali sono diventate il singolo maggiore acquirente. Negli Stati Uniti, ad esempio, con la Fed che non acquista più e che è sotto pressione per vendere, non è chiaro se ci siano abbastanza acquirenti a prezzi equi per togliere queste attività dalle mani della Fed. Il timore è quindi che i prezzi crollino in questi mercati, creando un panico diffuso. Se le obbligazioni ipotecarie scendono di valore, l'altra implicazione è che i tassi di interesse associati a queste attività aumenteranno, esercitando una pressione al rialzo sui tassi ipotecari nel mercato e frenando la lunga e lenta ripresa immobiliare. Una strategia che può calmare i timori è che le banche centrali lascino maturare determinate obbligazioni e si astengano dall'acquistarne di nuove, piuttosto che venderle a titolo definitivo. Anche con un'eliminazione graduale degli acquisti, la resilienza dei mercati non è chiara, dal momento che le banche centrali sono state acquirenti così grandi e coerenti per quasi un decennio.

Nel complesso, la politica monetaria è costantemente in uno stato di cambiamento, ma si basa ancora sul concetto di base della manipolazione dei tassi di interesse e, quindi, dell'offerta di moneta, dell'attività economica e dell'inflazione. È importante capire perché la Fed istituisce determinate politiche e come tali politiche potrebbero potenzialmente riflettersi sull'economia: questo perché gli alti e bassi dei cicli economici offrono opportunità creando momenti redditizi per abbracciare o evitare il rischio di investimento. Pertanto, avere una buona comprensione della politica monetaria è la chiave per identificare buone opportunità sui mercati.

Come si è detto, l’obiettivo principale delle Banche Centrali è di garantire la stabilità finanziaria. A seconda del paese, le Banche Centrali possono avere obiettivi come il controllo dell’inflazione, la disoccupazione, tassi di interesse e tassi di cambio. Nel corso degli anni, le Banche Centrali hanno esteso il loro ruolo oltre al mandato standard diventando, in molte situazioni, non solo i prestatori di ultima istanza ma - letteralmente - le uniche istituzioni in grado di salvare il sistema finanziario. Guardando al mondo occidentale, la FED e la BCE, agendo di concerto con le autorità fiscali, hanno salvato il sistema 3 volte negli ultimi tredici anni: nel 2008 (crisi finanziaria globale), 2012 (crisi del debito nell’eurozona) e nel 2020 (crisi Covid). Le Banche Centrali hanno utilizzato tre leve principali per ripristinare il normale funzionamento dei mercati finanziari e delle economie durante i periodi di estremo stress: in primis abbassare i tassi iniettando grandi quantità di liquidità nel sistema, finanziando indirettamente larga parte dell’aumento del deficit di bilancio necessario per affrontare le crisi; in secondo luogo, agire come prestatori di ultima istanza per il settore bancario, permettendo alle istituzioni finanziarie di essere in grado di operare normalmente; infine, utilizzare la loro credibilità per ripristinare la fiducia nel sistema, che è un aspetto meno tangibile ma altrettanto importante della loro attività. Quando le economie attraversano un grande shock come quello innescato dal Covid, le condizioni finanziarie diventano estremamente rigide, rendendo impossibile il normale svolgimento dell’attività economica.

L’anno scorso le Banche Centrali sono intervenute con successo per ripristinare condizioni finanziarie più facili, aprendo la strada a una ripresa. Nei prossimi mesi l’obiettivo principale sarà sostenere la ripresa, bilanciando gli interventi tra il mantenimento di condizioni finanziarie supportive e l’evitare eccessi come inflazione elevata e bolle finanziarie. Guardando alle due principali Banche Centrali del mondo occidentale (la FED e la BCE), entrambe hanno segnalato l’intenzione di mantenere la loro posizione altamente accomodante per il prossimo futuro. La FED si è impegnata a continuare ad acquistare $120 miliardi di titoli fino a quando non saranno stati compiuti ulteriori progressi sostanziali verso gli obiettivi di massima occupazione e stabilità dei prezzi, mentre la BCE ha comunicato l’intenzione di effettuare acquisti di asset almeno fino alla fine di marzo 2022.

Un altro obiettivo chiave per le principali Banche Centrali nei mercati sviluppati è aumentare il livello di coordinamento con i governi per sostenere la ripresa economica, promuovendo quello che Schnabel della BCE ha recentemente definito il “nesso sovrano-banca-impresa”. In altre parole, con particolare riferimento a Stati Uniti, Europa e Regno Unito, i governi e le Banche Centrali sono passati dall’agire come istituzioni indipendenti al “fare squadra” con i governi per sostenere la crescita economica e la stabilità finanziaria. Infine, ci sono nuovi ambiti in cui le Banche Centrali continueranno ad avventurarsi, come il rischio climatico e l’emissione di valuta digitale. Le Banche Centrali hanno abbracciato il tema del cambiamento climatico, introducendo nuove iniziative che vanno dal Quantitative Easing “verde” allo sviluppo di una struttura di gestione del rischio volta a ridurre il rischio finanziario legato al clima. Per quanto riguarda le valute digitali, vale la pena sottolineare che nell’ottobre 2020 le Bahamas hanno vinto il primato lanciando una valuta digitale nazionale. Diversi altri paesi, la Cina in primis, sono pronti a seguire le sue orme.

La combinazione di un’ampia distribuzione di vaccini, domanda contenuta e stimolo fiscale aggiuntivo dovrebbe sostenere un’accelerazione della ripresa e un ritorno dell’inflazione. Questo scenario dovrebbe vedere aumentare i rendimenti dei titoli di Stato a più lunga scadenza, far soffrire gli asset con lunga duration, creare una rotazione dallo stile growth allo stile value nelle azioni - che nel complesso dovrebbero andare bene - e infine le materie prime dovrebbero performare positivamente. Guardando ai principali mercati sviluppati, con il miglioramento delle economie, la FED e la BCE dovrebbero normalizzare gradualmente la politica monetaria, prima riducendo il ritmo e l’ammontare delle loro iniezioni di liquidità e, successivamente, considerando un orizzonte temporale pluriennale, alzando i tassi. Il ruolo delle Banche Centrali e la loro reazione, soprattutto rispetto all’inflazione, saranno cruciali durante la fase di normalizzazione. Se mostreranno tolleranza verso l’inflazione e disponibilità a far surriscaldare l’economia, rischieranno di alimentare bolle finanziarie; al contrario se dichiareranno l’intenzione di normalizzare troppo presto la politica monetaria, rischieranno di compromettere la ripresa.

Infine, la diversificazione sarà fondamentale in futuro: con il concretizzarsi della ripresa diversi paesi e le rispettive Banche Centrali reagiranno in modo diverso allo sviluppo dell’economia globale, alcuni segni di questa dinamica sono già evidenti, con Banche Centrali come Norges (Norvegia) e BCB (Brasile) che già segnalano l’intenzione di effettuare un’inversione del ciclo dei tassi nel prossimo futuro. La reazione alla pandemia legata al Covid ha ribaltato molte delle verità dogmatiche con cui il mondo finanziario aveva convissuto per decenni. La politica monetaria e la politica fiscale sono diventate interdipendenti, i deficit di bilancio dei paesi sono esplosi ai livelli più alti dalla seconda guerra mondiale, la teoria monetaria moderna sta guadagnando terreno e il riemergere dell’inflazione è ora una possibile realtà. Guardando oltre la fase di normalizzazione, questo contesto è altamente favorevole allo sviluppo di numerose opportunità commerciali tra le asset class. Ad esempio, se le Banche Centrali consentiranno un aumento dei tassi di interesse a lungo termine, le curve dei rendimenti aumenteranno e le attività a lunga durata avranno andamento negativo. Viceversa, se le Banche Centrali agiranno per contenere il movimento verso l’alto dei rendimenti, saranno le valute che dovranno adeguarsi e riflettere le differenze di crescita, inflazione e percorsi politici tra i paesi.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti