Cerca
  • Francesco Zingoni

I trend nella digitalizzazione e nella tecnologia

Leggilo prima: iscriviti alla newsletter


“Abbiamo bisogno dei servizi bancari, ma non abbiamo più bisogno delle banche". (Bill Gates, 1997)

La presenza predominante della tecnologia in molte parti della nostra economia e la rivoluzione della tecnologia digitale hanno trasformato le nostre vite. Tutto è iniziato con l’acquisto di prodotti online. Dieci anni fa, gli acquirenti online erano solo una nicchia di consumatori, rappresentavano circa il 7% delle vendite totali Retail negli Stati Uniti, mentre oggi l’e-commerce ne rappresenta il 21%.

In che modo l’importanza della tecnologia e della digitalizzazione è diventata così rilevante al giorno d’oggi?


La crescente fiducia dei consumatori nelle transazioni online è stata un fattore chiave della crescita del commercio elettronico. La comodità di fare acquisti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, unita alla facilità di acquistare articoli introvabili e di confrontarne i prezzi, sono tutti fattori che hanno contribuito alla rapida crescita dell’e-commerce. La digitalizzazione si sta rapidamente diffondendo ad altri settori dell’economia, dai servizi finanziari alla telemedicina, al settore manifatturiero. Oggi sempre più persone si sentono a proprio agio nell’acquistare prodotti e servizi finanziari online, accedendo direttamente tramite il proprio smartphone. Allo stesso modo, è ora possibile estendere l’assistenza medica a persone che non sono in grado, o non vogliono, lasciare le proprie abitazioni, superando le barriere geografiche e aumentare l’accesso ai servizi sanitari. La trasformazione digitale ha cambiato anche il modo in cui lavoriamo. Il lavoro a distanza è qualcosa che tutti abbiamo conosciuto nel 2020: possiamo eseguire tutte le attività richieste dal nostro lavoro attraverso Internet. La tecnologia odierna consente a molti lavoratori di lavorare da qualsiasi luogo, con comunicazioni faccia a faccia e videoconferenze in tempo reale. Infine, nel settore manifatturiero, l’intelligenza artificiale, unita alle prestazioni delle reti 5G, aumenterà l’automazione di fabbrica in una misura mai vista prima. Tutto ciò determinerà grandi guadagni di produttività e aumenterà il potenziale di crescita del PIL per le nostre economie.


Che ruolo ha giocato la tecnologia nel cambiamento delle dinamiche dei mercati finanziari?

La tecnologia ha sempre svolto un ruolo importante nella dinamica dei mercati finanziari, essendo la forza trainante dietro ogni grande cambiamento. Prima dell’avvento del trading elettronico, quasi tutto il trading finanziario veniva condotto tramite asta pubblica. Con la digitalizzazione e i progressi di Internet, il commercio elettronico ha portato vantaggi significativi consentendo un migliore accesso al mercato, transazioni efficienti in termini di tempo e maggiore trasparenza. La tecnologia ha consentito agli investitori Retail di accedere facilmente ai mercati finanziari. Stiamo ora assistendo a un forte aumento della partecipazione degli investitori Retail nei mercati; infatti, grazie alle piattaforme di trading online, il costo di tale attività è diminuito notevolmente. Inoltre, alcuni prodotti derivati come gli swap, che tradizionalmente erano esclusivi per gli investitori professionali, sono ora diventati ampiamente disponibili anche per gli investitori Retail. L’esperienza-utente di queste piattaforme è molto buona, con pochissimi attriti. Secondo le stime di Bank of America, il 20% dei volumi giornalieri del Russell 1000 Large Cap e il 40% del Russell 2000 Small Cap provengono da investitori Retail. Questo è un altro cambiamento importante paragonabile a quello visto negli anni ‘90, guidato anch’esso dalla tecnologia. Gli investimenti Retail sono destinati a durare nel tempo ed è qualcosa a cui dovremo assolutamente abituarci.


Quali sono le conseguenze della digitalizzazione e dello sviluppo tecnologico nel mercato del Venture Capital?

Il Venture Capital è stato storicamente molto importante per l’innovazione e nelle imprese altamente tecnologiche; molte delle società tecnologiche di maggior successo sono state sostenute da società di Venture Capital nella prima fase della loro vita. Per citarne alcune: Facebook, Uber, Space X, Airbnb. È stato dimostrato che negli ultimi 20 anni i Venture Capitalist hanno migliorato le loro prestazioni attraverso gli investimenti in società tecnologiche in quanto le start-up high-tech si adattano al modello di venture capital. Incorporare la tecnologia nel modello di business di un’azienda è sicuramente un grande vantaggio per tre motivi. In primo luogo, la tecnologia permette di avere un’ambizione globale anche senza avere una presenza fisica nei mercati di riferimento. In secondo luogo, offre scalabilità all’azienda, altra caratteristica importante per le Venture Capital e, infine, è più probabile che si crei un vantaggio competitivo difendibile con buona tecnologia proprietaria. Le start-up che forniscono servizi tecnologici, infrastrutture e intelligenza artificiale per il mondo online hanno il vantaggio di essere molto attraenti agli occhi di un investitore di Venture Capital.


In che modo digitalizzazione e tecnologia sono integrate nei portafogli di investimento?


Le potenzialità risiedono nel ricercare aziende con un vantaggio competitivo forte e difendibile, un modello di business attraente e un mercato di riferimento ampio e globale. Molte aziende con queste caratteristiche sono presenti nei settori legati alla tecnologia. Tuttavia, poiché la digitalizzazione si sta ora diffondendo in diversi settori dell’economia, il confine tra settori tecnologici e non tecnologici è sempre più sottile. La seconda ondata di digitalizzazione è probabilmente solo all’inizio e quindi è importante capire che queste aziende hanno ancora molti anni di forte crescita davanti a loro. La tecnologia dovrebbe essere inclusa nell’asset allocation di ogni investitore. AZ Equity - Global Growth è adatto a cogliere le opportunità che si presentano nei settori della tecnologia e della digitalizzazione, investendo in molti di questi trend (telemedicina, automazione di fabbrica, fintech e mobilità sostenibile). Utilizzando una strategia GARP (Growth At a Reasonable Price) e applicando un processo di investimento disciplinato, il Fondo si concentra su società globali con elevate opportunità di crescita, con l’obiettivo di catturare anche società giovani con un prodotto e un modello di business eccellenti.

Infine, AZ Equity - Future Opportunities che fornisce un accesso privilegiato all’allettante universo di investimento del Venture Capital. Il Fondo investe in azioni con l’obiettivo di ottenere rendimenti superiori rispetto all’indice Nasdaq 100 e in linea a quelli del settore venture capital statunitense.


8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti