Cerca
  • Francesco Zingoni

Introduzione alla FINANZA COMPORTAMENTALE

Leggilo prima: iscriviti alla newsletter


“Oggi l'economia è fatta di emozioni e psicologia" (Robert J. Shiller)

Per decenni, psicologi e sociologi si sono opposti alle teorie della finanza e dell'economia tradizionali, sostenendo che, nel mondo reale, gli esseri umani non sono attori razionali che massimizzano l'utilità e che i mercati non sono efficienti. Il campo dell'economia comportamentale è sorto alla fine degli anni '70 per affrontare questi problemi, accumulando un'ampia gamma di casi in cui le persone si comportano sistematicamente in modo "irrazionale". L'applicazione dell'economia comportamentale al mondo della finanza è nota, ovviamente, come finanza comportamentale.

Da questo punto di vista, non è difficile immaginare il mercato azionario come una persona: ha sbalzi d'umore (e sbalzi di prezzo) che possono passare da irritabile a euforico; può reagire in modo esagerato un giorno e fare ammenda il giorno successivo. Ma il comportamento umano può davvero aiutarci a capire le questioni finanziarie? L'analisi dell'umore del mercato ci fornisce strategie pratiche? I teorici della finanza comportamentale suggeriscono che è possibile.

La finanza comportamentale è un sottocampo dell'economia comportamentale, che sostiene che quando si prendono decisioni finanziarie come investire le persone non sono così razionali come prevede la teoria della finanza tradizionale. Per gli investitori curiosi di sapere come le emozioni e i pregiudizi guidano i prezzi delle azioni, la finanza comportamentale offre alcune descrizioni e spiegazioni interessanti. L'idea che la psicologia guidi i movimenti del mercato azionario va contro le teorie consolidate che sostengono l'idea che i mercati finanziari siano efficienti. I sostenitori dell'ipotesi del mercato efficiente (EMH), ad esempio, affermano che qualsiasi nuova informazione rilevante per il valore di un'azienda viene rapidamente valutata dal mercato. Di conseguenza, le future variazioni dei prezzi sono casuali perché tutte le informazioni disponibili (pubbliche e alcune non pubbliche) sono già scontate nei valori correnti. Tuttavia, per chiunque abbia attraversato la bolla di Internet e il successivo crollo, la teoria del mercato efficiente è piuttosto difficile da digerire. I comportamentisti spiegano che, piuttosto che essere anomalie, il comportamento irrazionale è all'ordine del giorno. In effetti, i ricercatori hanno riprodotto regolarmente esempi di comportamento irrazionale al di fuori della finanza utilizzando esperimenti molto semplici.

Ecco un esperimento: offri a qualcuno la possibilità di scegliere tra $50 sicuri o, lanciando una moneta, la possibilità di vincere $100 o non vincere nulla. È probabile che la persona scelga l'opzone sicura. Al contrario, offri una scelta tra 1) una perdita sicura di $ 50 o 2) su un lancio di una moneta, una perdita di $ 100 o niente. La persona, piuttosto che accettare una perdita di $ 50, probabilmente sceglierà la seconda opzione e lancerà la moneta. Questo fenomeno è noto come avversione alla perdita. La possibilità che la moneta cada da una parte o dall'altra è equivalente in qualsiasi scenario, tuttavia le persone opteranno per il lancio della moneta per salvarsi da una perdita di $ 50 anche se il lancio della moneta potrebbe significare una perdita ancora maggiore di $ 100. Questo perché le persone tendono a considerare la possibilità di recuperare una perdita più importante della possibilità di un guadagno maggiore. La priorità di evitare perdite vale anche per gli investitori. Basti pensare agli azionisti di Nortel Networks che hanno visto il valore delle loro azioni precipitare da oltre $ 100 per azione all'inizio del 2000 a meno di $ 2 pochi anni dopo. Non importa quanto in basso il prezzo scenda, gli investitori, credendo che il prezzo alla fine tornerà, spesso detengono azioni piuttosto che subire il dolore di subire una perdita.

L'istinto del gregge, invece, spiega perché le persone tendono a imitare gli altri. Quando un mercato si muove al rialzo o al ribasso, gli investitori sono soggetti al timore che gli altri sappiano di più o abbiano più informazioni. Di conseguenza, gli investitori sentono un forte impulso a fare ciò che fanno gli altri. La finanza comportamentale ha anche scoperto che gli investitori tendono a dare troppo valore ai giudizi derivati ​​da piccoli campioni di dati o da singole fonti. Ad esempio, è noto che gli investitori attribuiscono abilità piuttosto che fortuna a un analista che sceglie un titolo vincente. D'altra parte, le convinzioni non sono facilmente scosse. Un'idea che ha attratto gli investitori fino alla fine degli anni '90, ad esempio, era che qualsiasi improvviso calo del mercato fosse un'opportunità di acquisto. In effetti, questa visione del buy-the-dip pervade ancora. Gli investitori sono spesso troppo sicuri dei loro giudizi.. In tal modo, non riescono a vedere l'immagine più ampia concentrandosi troppo sui dettagli più piccoli.

Possiamo chiederci se questi studi aiuteranno gli investitori a battere il mercato. Dopotutto, le carenze razionali dovrebbero fornire molte opportunità redditizie per gli investitori saggi. In pratica, tuttavia, pochi investitori di valore stanno implementando principi comportamentali per individuare quali azioni a basso costo offrono effettivamente rendimenti costantemente al di sopra della norma. L'impatto della ricerca sulla finanza comportamentale rimane ancora maggiore nel mondo accademico che nella gestione pratica del denaro. Mentre le teorie indicano numerose carenze razionali, il campo offre poco in termini di soluzioni che traggono profitto dalle manie di mercato. Robert Shiller, l'autore di "Irrational Exuberance" (2000), ha mostrato che alla fine degli anni '90 il mercato era nel pieno di una bolla. Ma non poteva dire quando sarebbe scoppiata la bolla. Allo stesso modo, i comportamentisti di oggi non possono dirci quando il mercato ha raggiunto un massimo, così come non possono dire quando toccherà il fondo. Possono, tuttavia, descrivere come potrebbe essere un importante punto di svolta.

Cosa ci dice la finanza comportamentale? La finanza comportamentale ci aiuta a capire come le decisioni finanziarie su cose come investimenti, pagamenti, rischio e debito personale, siano fortemente influenzate dalle emozioni umane, dai pregiudizi e dai limiti cognitivi della mente nell'elaborazione e nella risposta alle informazioni.

In che modo la finanza comportamentale differisce dalla teoria finanziaria tradizionale? La teoria mainstream, d'altra parte, nei suoi modelli sostiene che le persone siano attori razionali, che siano libere dalle emozioni o dagli effetti della cultura e delle relazioni sociali, e che le persone siano massimizzatori di utilità egoistici. Presuppone anche, per estensione, che i mercati siano efficienti e le imprese siano organizzazioni razionali che massimizzano il profitto. La finanza comportamentale contrasta con ciascuna di queste ipotesi.

In che modo la conoscenza della finanza comportamentale aiuta? Comprendendo come e quando le persone si discostano dalle aspettative razionali, la finanza comportamentale fornisce un modello per aiutarci a prendere decisioni migliori e più razionali quando si tratta di questioni finanziarie.

I comportamentisti devono ancora elaborare un modello coerente che preveda effettivamente il futuro piuttosto che limitarsi a spiegare, con il senno di poi, ciò che il mercato ha fatto in passato. La grande lezione è che la teoria non dice alla gente come battere il mercato. Invece, ci dice che la psicologia fa divergere a lungo i prezzi di mercato e i valori fondamentali.

La finanza comportamentale non offre miracoli di investimento per capitalizzare questa divergenza, ma forse può aiutare gli investitori ad addestrarsi su come stare attenti al loro comportamento e, a loro volta, evitare errori che ridurranno la loro ricchezza personale.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti