Cerca
  • Francesco Zingoni

La teoria del Cigno Nero

Leggilo prima: iscriviti alla newsletter


“Rara avis in terris, nigroque simillima cycno” Rara avis è una nota locuzione latina il cui significato letterale è “uccello raro”. L’espressione è presente in un verso delle Satire del poeta e retore romano Decimo Giulio Giovenale (che tradotta in lingua italiana significa “uccello raro sulla terra, quasi come un cigno nero”) in riferimento alla fedeltà coniugale di Lucrezia (moglie del politico romano Collatino) e Penelope (moglie di Ulisse). Cosa c'entra questo con i mercati finanziari? Vediamolo insieme. Il termine "cigno nero" è stato reso popolare da Nassim Nicholas Taleb, professore di finanza, scrittore ed ex trader di Wall Street. Taleb ha scritto dell'idea di un evento del cigno nero in un libro del 2007 prima degli eventi della crisi finanziaria del 2008. Taleb ha sostenuto che, poiché gli eventi del cigno nero sono impossibili da prevedere a causa della loro estrema rarità, ma hanno conseguenze catastrofiche, è importante per le persone assumere sempre che un evento del cigno nero sia una possibilità, qualunque essa sia, e cercare di pianificare di conseguenza. Alcuni credono che la diversificazione possa offrire una certa protezione quando si verifica un evento di cigno nero. Taleb in seguito ha utilizzato la crisi finanziaria del 2008 e l'idea degli eventi del cigno nero per sostenere che se un sistema rotto può fallire, in realtà questo lo rafforza contro la catastrofe dei futuri eventi del cigno nero. Ha anche sostenuto che, al contrario, un sistema che è sostenuto e isolato dal rischio alla fine diventa più vulnerabile a perdite catastrofiche di fronte a eventi rari e imprevedibili. Taleb descrive un cigno nero come un evento che 1) è così raro che anche la possibilità che possa verificarsi è sconosciuta, 2) ha un impatto catastrofico quando si verifica e 3) è spiegato col senno di poi come se fosse effettivamente prevedibile. Per eventi estremamente rari, Taleb sostiene che gli strumenti standard di probabilità e previsione, come la distribuzione normale, non si applicano poiché dipendono da un'ampia popolazione e da dimensioni del campione passate che non sono mai disponibili per eventi rari per definizione. L'estrapolazione, l'utilizzo di statistiche basate su osservazioni di eventi passati non è utile per prevedere i cigni neri e potrebbe persino renderci più vulnerabili a loro.


L'ultimo aspetto chiave di un cigno nero è che, in quanto evento storicamente importante, gli osservatori sono desiderosi di spiegarlo a posteriori e speculare su come avrebbe potuto essere previsto. Tale speculazione retrospettiva, tuttavia, in realtà non aiuta a prevedere i futuri cigni neri in quanto possono essere qualsiasi cosa, da una crisi del credito a una guerra. Vediamo alcuni esempi di "cigno nero" per capire meglio. Il crollo del mercato immobiliare statunitense durante la crisi finanziaria del 2008 è uno degli eventi del cigno nero più recenti e conosciuti. L'effetto dell'incidente è stato catastrofico e globale e solo pochi valori anomali sono stati in grado di prevederlo. Sempre nel 2008, lo Zimbabwe ha avuto il peggior caso di iperinflazione nel 21° secolo con un tasso di inflazione massimo di oltre 79,6 miliardi di percento. Un livello di inflazione di tale importo è quasi impossibile da prevedere e può facilmente rovinare finanziariamente un paese. La bolla delle dotcom del 2001 è un altro evento del cigno nero che ha somiglianze con la crisi finanziaria del 2008. L'America stava godendo di una rapida crescita economica e di aumenti della ricchezza privata prima che l'economia crollasse in modo catastrofico. Poiché Internet era agli albori in termini di utilizzo commerciale, vari fondi di investimento stavano investendo in società tecnologiche con valutazioni gonfiate e nessuna trazione sul mercato. Quando queste società hanno chiuso, i fondi sono stati duramente colpiti e il rischio di ribasso è stato trasferito agli investitori. La frontiera digitale era nuova, quindi era quasi impossibile prevederne il crollo. Come altro esempio, l'hedge fund Long-Term Capital Management (LTCM) precedentemente di successo, è collassato nel 1998 a causa dell'effetto a catena causato dal default del debito del governo russo, qualcosa che i modelli informatici della società non avrebbero potuto prevedere. Il 5 novembre 2008, la regina Elisabetta II era alla London School of Economics per aprire un nuovo edificio. Questo solo poche settimane dopo il fallimento di Lehman Brothers. Nelle settimane successive, i governi e le banche centrali del mondo ricco hanno dovuto salvare alcune delle loro più grandi banche e istituzioni finanziarie. La regina ha chiesto agli economisti presenti: "Se queste cose erano così ovvie, come mai sono sfuggite a tutti?" Quasi 13 anni dopo, possiamo porci la stessa domanda.




19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti