Cerca
  • Francesco Zingoni

MENTAL ACCOUNTING: la contabilità non razionale

Leggilo prima: iscriviti alla newsletter


contabilità s. f. [dal fr. comptabilité; v. contabile]. – Disciplina che studia ed enuncia le leggi del controllo nel campo dell’amministrazione economica di un’azienda.

Richard Thaler, attualmente professore di economia presso la Booth School of Business dell'Università di Chicago, ha introdotto la contabilità mentale nel suo articolo del 1999 "Mental Accounting Matters", apparso sul Journal of Behavioral Decision Making, definendola così :

"La contabilità mentale è l'insieme delle operazioni cognitive utilizzate dagli individui e dalle famiglie per organizzare, valutare e tenere traccia delle attività finanziarie".

Alla base della teoria c'è il concetto di fungibilità del denaro. Dire che il denaro è fungibile significa che, indipendentemente dalla sua origine o dall'uso previsto, tutto il denaro è lo stesso. Per evitare il bias della contabilità mentale, gli individui dovrebbero trattare il denaro come perfettamente fungibile quando lo devono allocare tra spese di vita quotidiana, risparmi e investimenti. Dovrebbero anche valutare un euro allo stesso modo sia che venga guadagnato attraverso il lavoro o che gli venga dato. Ad esempio, alcune persone tengono uno speciale "barattolo di denaro" o un fondo simile accantonato per una vacanza o una nuova casa, mentre allo stesso tempo hanno un debito considerevole sulla carta di credito.

È probabile che trattino il denaro in questo fondo speciale in modo diverso dal denaro che viene utilizzato per ripagare il debito, nonostante il fatto che la deviazione dei fondi dal processo di rimborso del debito aumenti i pagamenti degli interessi, riducendo così il loro patrimonio netto totale. Molte persone ritengono, ad esempio, che il denaro risparmiato per una nuova casa o il fondo per l'università di un figlio sia semplicemente "troppo importante" per rinunciarvi, anche se farlo sarebbe la mossa più logica e vantaggiosa. Quindi la pratica di mantenere il denaro in un conto a interessi bassi o nulli mentre si trasporta anche il debito in sospeso rimane comune.





Thaler offre questo esempio, un investitore possiede due azioni: una con in guadagno, l'altra in perdita. L'investitore ha bisogno di denaro e deve vendere una delle azioni. La contabilità mentale è orientata alla vendita dell'azione in guadagno anche se la vendita di quella in perdita è di solito la decisione razionale, a causa dei vantaggi in termini di perdite fiscali e del fatto che l'azione perdente è un investimento più debole. Il dolore di realizzare una perdita è troppo per l'investitore da sopportare, quindi l'investitore vende il vincitore per evitare quel dolore. Questo è l'effetto di avversione alla perdita che può portare gli investitori fuori strada con le loro decisioni.


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti